Biografia di San Giovanni di Dio

Il fondatore dell'ordine dei Fatebenefratelli nasce nel 1495 a Montemor- o - Novo in Portogallo al tempo di Giovanni II, di Ferdinando e Isabella di Spagna e sotto il pontificato di Alessandro VI. L'anno della nascita è reso noto dallo storico Francesco de Castro, biografo del Santo .

Dei genitori di Giovanni di Dio conosciamo il nome del padre, Andrea Ciudad o Cidade mentre si ignora quello della madre. Nel 1503, all'età di otto anni, Giovanni lascia la casa del padre per andare a vivere ad Oropesa in casa di un uomo chiamato Mayoral. Le circostanze della partenza del fanciullo Giovanni dalla casa paterna rimangono a tutt'oggi avvolte nel mistero e pare segnassero tragicamente la vita stessa dell'intera famiglia. La madre morì dopo poco e il padre si ritirò in un convento francescano di Lisbona.

Nel 1523, sappiamo per certo che Giovanni esercita la professione del soldato a Fuenterrabia al seguito del conte della città di Oropesa, impegnato nella guerra contro i francesi, cui seguì la sua espulsione dall'esercito e successiva condanna all'impiccagione per aver mancato a compiti affidatigli. Salvato da un personaggio molto influente lo troviamo nel 1532 soldato a Vienna, impegnato nella lotta contro il pericolo turco.

Nel 1533, ritorna in Spagna, recandosi successivamente in pellegrinaggio a Compostela. Successivamente passò in Portogallo da dove, visitato il paese natio, passò a Gibilterra per imbarcarsi alla volta di Ceuta in Africa.

La decisione dell'imbarco, al seguito di un gentiluomo e della sua famiglia, pare gli provenisse già allora dal desideri di impegnarsi a favore dei poveri e degli ammalati. Ciononostante nel 1538 è nuovamente di ritorno in Spagna, dedito al commercio di libri a Gibilterra e da qui a Granada dove aprì un piccolo negozio a porta Elvira.

E' nel gennaio del 1539 che avviene la conversione di Giovanni, il giorno della festa di san Sebastiano martire. In quel giorno predicava in città il maestro Giovanni d'Avila. La conversione di Giovanni è talmente "clamorosa" che viene rinchiuso come pazzo nell'ospedale reale di Granada.

Nel 1539, uscito dall'ospedale inizia la sua opera destinata al soccorso dei poveri e dei malati, degli emarginati in genere, per i quali i posti disponibili negli ospedali erano sempre insufficienti. Consultatosi col beato d'Avila si recò dapprima in pellegrinaggio a Guadalupe nell'Estremadura. Poi tornò a Baeza e da qui nuovamente a Granada dove nell'autunno del 1539, fonda nella calle Lucena il primo ospedale in una casa presa in affitto. E' solo col 1546 che si ha notizia dei primi compagni di Giovanni : Antonio Martin e Pietro Velasco.

Nel 1547 l'ospedale della calle Lucena è trasferito alla salita Gomelez, con una disponibilità di circa 200 posti letto. Nel 1548 a seguito della necessità di far fronte ai bisogni del suo ospedale Giovanni si reca alla corte di Filippo II a Valladolid. Nel 1549 l'ospedale subì un grave danno ad opera di un incendio che mise a dura prova il medesimo Giovanni di Dio che, tuttavia, riuscì a salvare tutti i ricoverati.

Gomez Moreno: San Giovanni di Dio salva gli ammalati dall incendio

Sicura è la data della morte del santo, avvenuta a Granada l'8 marzo del 1550 all'età di 55 anni.

I suoi seguaci arrivarono in Italia e si stabilirono a Roma nel 1584 nell'Isola Tiberina dove già esisteva un antico ospedale e dove tuttora risiedono

Nel 1587 alcuni di essi giunsero a Firenze guidati da fra Giovanni Bonelli.


(Last updated: Tuesday 26 September 1995)
Copyright © 1995 by Associazione San Giovanni di Dio